Skip to content.
Logo tecnoteca

Portale Tecnoteca.it

Logo tecnoteca

Vai al sito aziendale Tecnoteca.com


 
You are here: tecnoteca.it » Notizie » Quando è meglio investire in SEO e quando in SEA

Quando è meglio investire in SEO e quando in SEA

Meglio puntare sulle campagne pay per click o sul posizionamento organico? Dipende! Ecco quando investire in SEO e quando in SEA.

SEO e SEA sono due aspetti dell’attività di Search Engine Marketing (SEM). Entrambe le discipline presentano vantaggi e svantaggi, differenti tra loro e in grado di apportare benefici in misura e con tempistiche differenti. La domanda sorge spontanea: è meglio investire in attività di SEO o in quelle relative alla SEA?I consigli di Mediatica agenzia di comunicazione e marketing

I vantaggi della SEO

La SEO (Search Engine Optimization) include tutte le attività orientate al posizionamento naturale delle pagine web di un sito sui motori di ricerca. Si tratta di una soluzione che, se implementata in modo corretto, permette di ottenere riscontri positivi nel medio-lungo termine e continua a produrre benefit anche una volta dismessi gli investimenti di posizionamento. Le keyword, infatti, una volta posizionate saldamente nelle SERP - specie se scarsamente concorrenziali - mantengono la loro posizione con lievi oscillazioni anche nei periodi successivi. Non è escluso che il posizionamento possa persino mantenersi sugli stessi livelli di performanza anche dopo lunghi periodi di interruzione della strategia.

Gli svantaggi della SEO

D’altra parte, la SEO si sviluppa su un progetto a lungo termine e necessita, a seconda del livello di competitività, di almeno 2 o 3 mesi prima di iniziare a portare risultati. Inoltre, nessuna agenzia SEO può dare garanzia di successo. Può capitare che il sito non riesca a posizionarsi per le specifiche parole chiave scelte o che le stesse siano state selezionate in maniera sbagliate e che, di conseguenza, non apportino alcun vantaggio al sito in termini di traffico o di conversioni.

I vantaggi della SEA

La SEA (Search Engine Advertising) si basa sulla realizzazione di campagne in pay-per-click. Una strategia basata sugli AdWords dà garanzia di risultati immediati (sempre se ben gestita) poiché indirizza il traffico direttamente verso il sito web attraverso banner e annunci a pagamento. In pratica, tramite la SEA si acquista traffico, pagando solo i click ricevuti (e dunque i visitatori). Attraverso Google AdWords, è possibile gestire ogni dettaglio, fissare il budget giornaliero, le fasce orarie ma anche personalizzare il target per età, sesso, provenienza geografica, intercettando solo utenti targettizzati.

Gli svantaggi della SEA

Una campagna pay-per-click deve essere sostenuta attraverso investimenti costanti e cessa di esistere con la rinuncia all’investimento. Si tratta di una risorsa d’impatto ma che necessita di una gestione costante, dalla scrittura degli annunci al monitoraggio dei risultati fino alla gestione del budget, implicando un impegno cui non è possibile sottrarsi, sia dal punti di vista economico e sia sotto il profilo tecnico-operativo.