Skip to content.
Logo tecnoteca

Portale Tecnoteca.it

Logo tecnoteca

Vai al sito aziendale Tecnoteca.com


 
You are here: tecnoteca.it » Notizie » Pure Storage presenta la nuova famiglia FlashArray//X: Shared Accelerated Storage per ogni carico di lavoro

Pure Storage presenta la nuova famiglia FlashArray//X: Shared Accelerated Storage per ogni carico di lavoro

FlashArray//X rappresenta una nuova generazione di storage, basata su NVMe e NVMe-oF. Shared Accelerated Storage unisce SAN e DAS in un’unica, consolidata, condivisa e più efficiente architettura data-centrica.
Milano Pure Storage (NYSE: PSTG), la piattaforma storage all-flash che supporta gli innovatori nella creazione di un futuro migliore attraverso i dati, ha esteso la linea di prodotto FlashArray in grado ora di supportare all-NVMe Shared Accelerated Storage per ogni carico di lavoro. La nuova famiglia FlashArray//X rende tutto più veloce, database, ambienti virtualizzati o container, iniziative test/dev e web-scale, senza costi aggiuntivi rispetto a FlashArray//M, in base alla capacità effettiva. La nuova famiglia all-NVMe FlashArray//X comprende cinque configurazioni, da NVMe-ready //X10 per applicazioni di piccole dimensioni fino ad all-NVMe //X90, il FlashArray più denso e veloce di Pure. FlashArray//X rappresenta una nuova generazione di soluzioni Shared Accelerated Storage, una generazione basata su NVMe e NVMe-oF, in grado di unire SAN e DAS in un'unica architettura data-centrica, consolidata, condivisa e più efficiente. Con una capacità effettiva fino a 3PB in sole 6U, il //X90 offre una bassa latenza fino a 250 µs e un miglioramento delle prestazioni che arriva ad essere 2 volte superiore rispetto all'AFA (All-Flash Array//M). Una versione aggiornata del born-for-flash Purity Operating Environment, versione 5.1 è disponibile come aggiornamento non disruptive per tutti i clienti FlashArray//M e FlashArray//X, e offre una data reduction migliorata fino al 20%, riducendo ulteriormente la quantità di storage che i clienti devono acquistare e gestire. L'evoluzione verso architetture applicative che necessitano un’alta scalabilità ha portato a cambiamenti significativi nei requisiti relativi allo storage. Le aziende che oggi adottano un modello IT cloud si trovano spesso a dover gestire una miriade di tipologie di storage: SAN per applicazioni classiche e DAS per applicazioni di modern analytics e web-scale. "Le nuove tecnologie ci permettono di ripensare il data center. Abbiamo finalmente la possibilità di scomporre i silos di storage per consentire un'ampia condivisione dei dati. I nuovi livelli di efficienza consentono alle aziende di sfruttare il vero valore potenziale del loro asset più importante: i dati", ha dichiarato Bill Cerreta, GM di Platforms, Pure Storage. "Reti diverse, convergenti e di calcolo veloce, insieme a protocolli ottimizzati come NVMe hanno sbloccato la possibilità di riprogettare il data center per i dati stessi. La famiglia FlashArray//X rappresenta un primo elemento fondamentale per un'architettura veramente data-centrica". Un'architettura basata sulla centralità del dato (data-centric architecture) consente una maggiore flessibilità della componente di computing e abilita la connettività verso un pool di Shared Accelerated Storage rapido, affidabile e denso, tramite una rete veloce. Disaccoppia storage e calcolo, consentendo di scalare e innovare in modo indipendente, ma mantenendo prestazioni ed efficienza. Lo Shared Accelerated Storage rende l'intera infrastruttura notevolmente più veloce, consolida i carichi di lavoro e permette una condivisione dei dati flessibile e agile tra le applicazioni moderne; un design davvero ottimizzato per i dati. "Gli strumenti che abbiamo a disposizione e le attività che ci troviamo ad affrontare richiedono di ottimizzare l'intero stack, orizzontalmente e verticalmente", ha dichiarato Kevin Beebe, VP Product & Security presso MacStadium. "Con la velocità e la densità di FlashArray//X90, lo Shared Accelerated Storage diventa una soluzione che ci consentirà di ottimizzare risultati centrati sulle informazioni e davvero data-driven, per i clienti. Un time-to-value più rapido sui i dati rappresenta un enorme vantaggio competitivo nel mercato odierno, un vantaggio che ci consente di soddisfare meglio le richieste dei nostri clienti e aiuta a guidare l'innovazione". FlashArray//X, come tutti i FlashArray precedenti, è basato sull'architettura Evergreen™ Storage, che garantisce la protezione degli investimenti dei clienti con aggiornamenti continui e senza interruzioni, nessun tempo di downtime e nessuna migrazione dei dati. Ciò significa che i clienti FlashArray esistenti possono eseguire l'aggiornamento senza interruzioni a FlashArray//X e sperimentare oggi lo Shared Accelerated Storage all-NVMe. Gli annunci odierni includono la famiglia ampliata FlashArray//X, una transizione flessibile e senza interruzioni a tutti i dispositivi NVMe flash e NVMe-oF e un software più intelligente ed efficiente. La nuova famiglia FlashArray//X comprende: • //X90: Il più denso, veloce array: capacità effettiva di 3 PB in 6U, fino a 2 volte più veloce del FlashArray//M e un costo minore array per GB. • //X70 e //X50: 100% array NVMe in grado di scalare fino a 1.3 PB e 650TB rispettivamente di storage effettivo. • //X20 e //X10: Array NVMe-ready entry-level per bisogni più limitati. L’impostazione predefinita è con SATA flash, ma sono forniti con controller che supportano i moduli DirectFlash NVMe. Pure1 Management: • Purity 5.1, l'ultima versione del nostro sistema operativo di storage completamente parallelizzato, presenta miglioramenti significativi nell’algoritmo di compressione, offrendo un miglioramento ulteriore fino al 20% nell'efficienza complessiva di riduzione dei dati, in particolare per i workload delle applicazioni che già beneficiano delle funzionalità di compressione e deduplica. Questo aggiornamento software senza interruzioni sarà disponibile per tutti i clienti FlashArray//M e FlashArray//X. • La nuova funzione Pure1® VM Analytics consente di ottenere una visibilità completa sugli ambienti VMware vSphere. Grazie all'integrazione nativa con vCenter, eventuali criticità diprestazione possono essere facilmente visualizzati da VM → Server → Datastore → Network → Volume → Array. • Il Pure1 Workload Planner è stato potenziato dal motore Meta AI, supporta i clienti ad ottimizzare i propri ambienti comprendendo meglio l'impatto delle modifiche del carico di lavoro e consente inoltre ai clienti FlashArray di esplorare facilmente gli scenari di aggiornamento dell'hardware. • La Pure1 Global Dashboard è stata ampliata, consentendo la visibilità di tutti gli array FlashArray e FlashBlade™ a livello globale, disponibili sia sul portale SaaS Pure1 che sull'app Pure1 Mobile. La visibilità globale su salute, riduzione dei dati, avvisi e eventuali necessità di supporto è ora sempre a portata di mano. "Le crescenti esigenze dell’odierna infrastruttura richiedono una nuova architettura di storage che consenta alle applicazioni di database tradizionali e alle moderne applicazioni web-scale di condividere la stessa infrastruttura", ha dichiarato Scott Sinclair, Senior Analyst, Storage Systems and Software di ESG. "Abilitate da reti veloci, NVMe e NVMe-oF, le moderne soluzioni di livello Enterprise come FlashArray//X consentono alle aziende di unire architetture SAN e DAS e di scalare i vantaggi delle prestazioni su ogni carico di lavoro". È già possibile ordinare FlashArray//X sia per i nuovi array che per gli upgrade, con consegne previste per l'inizio di giugno. Purity 5.1 è disponibile già da oggi. Gli aggiornamenti di Pure1 VM Analytics, Workload Planner e Global Dashboard saranno invece disponibili a breve. Per ulteriori informazioni, visita il nostro sito web o unisciti a noi oggi e domani a Pure//Accelerate a San Francisco.