Sezioni
Skip to content.
vai alla homepage
vai alla homepage
ricerca avanzata all'interno del sito
contatti

 
You are here: tecnoteca.it » Sezioni speciali » Networking » Faq

Argomenti correlati:
  - Approfondimento
  - Libri
  - Faq

Faq

FAQ1

A che cosa serve una rete locale?

 
Una rete serve per condividere quelle che tecnicamente vengono chiamate risorse, vale a dire tutto ciò di cui un ufficio ha bisogno: file, posta elettronica, programmi, stampanti ecc.
E poi una rete locale contribuisce enormemente a far diminuire il flusso di documenti cartacei tra le persone poiché, a conti fatti, collega le persone e fa diminuire i costi derivati dai materiali di consumo.


 

FAQ2

È vero che si può collegare in rete anche il telefono?

 
Certo che è vero!
È chiaro però che serve dell'HW specifico e che, affinché l'investimento risulti economicamente conveniente, è necessario che l'azienda sia di dimensioni numeriche consistenti.
Però, ad esempio, è sicuramente sempre conveniente collegare un fax in rete: il fax, o per meglio dire il faxserver, consente di inviare e ricevere fax direttamente sul proprio computer personale, senza passare per il foglio di carta intermedio.


 

FAQ3

Ho sentito dire che esistono diversi tipi di rete, qual è la migliore?


È fin troppo scontato rispondere che la migliore non esiste: bisogna fare le considerazioni del caso analizzando le caratteristiche aziendali.
In linea di principio si può dire che se le persone sono poche (meno di 10), ed ognuna di loro può fare di tutto ma in modo non strettamente coordinato, allora può venire utilizzata una semplice rete in modalità peer-to-peer.
Lavorare in peer-to-peer significa lavorare con sistemi tutti paritari (ognuno può fornire o ricevere servizi allo stesso tempo), che non richiedono normalmente di avere degli intensi scambi dati l'uno con l'altro.
Per costruire una semplice rete di questo tipo è necessario collegare un gruppo di computer, dotati ovviamente di scheda di rete, ad un punto centrale detto hub.
Se viceversa l'azienda è più' organizzata per settori ed esiste una gestione strutturata dei dati (es. database centralizzato), allora è sicuramente consigliabile la configurazione client-server.
In questo tipo di rete esiste una macchina privilegiata, detta server, dimensionata per fornire servizi a tutte le altre, dette client.
Tipicamente sul server risiedono i documenti comuni, e ne viene regolamentato l'accesso.
Il server viene utilizzato per gestire (in modo efficiente!) la condivisione di tutte le periferiche (stampanti, fax, modem...).



 
FAQ4

Che cosa serve per costruire una di queste reti?

 
L'HW di rete strettamente necessario è lo stesso
peer-to-peer

  • PC dotati di Schede di rete (velocità consigliata 10/100 Mbps)
  • Stampante/i dotate di scheda di rete (velocità consigliata 10/100 Mbps)
  • Hub (velocità consigliata 10/100 Mbps)
  • Software di rete
  • Cablaggio


client-server

  • PC dotati di Schede di rete (velocità consigliata 10/100 Mbps)
  • Stampante/i dotate di scheda di rete (velocità consigliata 10/100 Mbps)
  • Hub (velocità consigliata 10/100 Mbps)
  • Software di rete
  • Cablaggio

Si noti che è sempre possibile partire con una rete peer-to-peer per poi, aggiungendo semplicemente una macchina server e del SW, passare ad una configurazione client-server.



 
FAQ5

Perché serve del software specifico? Non c'è già il sistema operativo?

 
Quel software specifico si chiama sistema operativo di rete e serve proprio per far parlare tra loro i computer.
Di solito viene chiamato NOS (Network Operating System).
Ne esistono diversi: alcuni sono venduti unitamente al sistema operativo base, mentre altri bisogna comprarli separatamente.
Per le reti peer-to-peer, il NOS venduto con il sistema operativo base può sicuramente bastare.
I più noti NOS per reti peer-to-peer sono:

  • Microsoft Windows 95/98
  • Artisoft® LANtastic®
  • Windows per Workgroup Network


I principali NOS per reti client-server sono:

  • Microsoft Windows NT™ W2000
  • Novell Netware
  • Banyan® Vines®
  • Artisoft LANtastic Dedicated Server




FAQ6

Di quali cavi ho bisogno per collegare i miei computer?


È possibile collegare tra loro i computer utilizzando del comune cavetto coassiale da 50 ohm (modalità 10Base2), ma è un metodo molto sconsigliato, a causa delle difficoltà meccaniche che la connettorizzazione comporta; per contro è molto economico.
Molto meglio collegate i computer per mezzo di cavetti detti Twisted Pair, cavetto dotato di connettori plastici simili a connettori telefonici, anche se ciò comporta poi l'obbligo di acquistare almeno un HUB.



 
FAQ7

Qual è l'hub da comprare?


Gli HUB non hanno di solito bisogno di possedere caratteristiche particolari, il loro compito "stupido" è di fare semplicemente da concentratori di connessioni.
Vengono venduti in tagli che vanno dalle 4 alle 24 porte e sono spesso componibili in stack.
Certo che se il numero di connessioni effettive arriva vicino al limite delle 24 porte... è meglio cominciare a pensare che forse è il caso di ridimensionare la rete e di utilizzare apparecchiature più sofisticate.


 

FAQ8

È possibile accedere ad Internet dalla rete?

 
Esistono almeno 3 modi per accedere ad internet attraverso la rete.
Il primo, e più semplice, è quello di consentire ad una macchina qualsiasi di condividere il modem a lei collegata, è un sistema dotato comunemente in piccole reti peer-to-peer (lo può fare ad esempio una macchina dotata di W98 o W2000).
Il secondo è di collegare il modem ad una macchina server e di dotare la stessa di SW atto alla condivisione della risorsa (Proxy Server).
Il terzo è di acquistare un router, già dotato di modem, da dedicare esclusivamente alla connessione internet.
Ricordate poi che serve un Service Provider in grado di fornirvi il servizio secondo il volume di traffico da voi richiesto (linea normale commutata, ISDN, ADSL, HDSL,....) e che il modem deve essere adatto al tipo di linea utilizzato.



 
FAQ9

Dovrei collegare il mio ufficio ad una sede remota, come posso fare?

 
Che cosa significa collegare? Connettere stabilmente, cioè condividere la rete locale, o scambiare qualche file ogni tanto?
Per scambiare qualche file può essere sufficiente che 2 macchina remote si connettano in dial-up quando serve (cioè tramite una telefonata tradizionale) ed accedano alla rete soltanto in quel momento per mezzo di quello che viene chiamato SW per Remote Access System (RAS).
Questo SW è di solito incluso nel sistema operativo di base.Viceversa si deve pensare ad un collegamento su linea dedicata, costoso, o ad una Virtual Private Network (VPN) che sfrutti internet come supporto di collegamento. Nel caso della VPN è necessario acquistare dell'HW dedicato oppure dotare una macchina di SW adatto.



 
FAQ10

Come posso fare per accedere alla rete aziendale mentre sono in viaggio?

 
Il metodo di accesso è lo stesso di quello usato per connettere uffici remoti: RAS o VPN.
Per motivi di economia e facilità d'uso è comunque consigliabile il RAS.



 
FAQ11

Abbiamo 2 server, uno ad uso generale dell'ufficio e l'altro ad immagazzinare i file generate da 3 stazioni CAD: quando trasferiamo i file CAD l'ufficio si ferma. Che fare?

 
I file CAD sono di grandi dimensioni perciò quando vengono trasferiti occupano a lungo tutta la banda fornita dalla rete.
È necessario che tutte le schede di rete funzionino a 100 Mbps e che venga inserito uno switch per ripartire il traffico di rete.
Uno switch è un dispositivo in grado di "collegare" tra loro soltanto le porte interessate ad un certo traffico.
In questo caso l'inserimento di uno switch consentirebbe la comunicazione simultanea tra stazione CAD e server e tra gli altri PC tra loro.



 
FAQ12

Abbiamo un buon programma di sviluppo aziendale, potrò conservare le attuali apparecchiature di rete?


A fronte delle nuove esigenze le dovrà integrare con altre: sicuramente le attuali manterranno la compatibilità con le nuove.

Mappa grafica del portale